Esame Beta-hCG in cosa consiste?

L’esame beta-hcg, noto anche come solo come test di gravidanza o hCG qualitativa o quantitativa (in cui hCG sta per Gonadotropina corionica umana) è l’esame più diffuso per determinare se sia in corso una gravidanza.

Tuttavia è anche utile per altri motivi, quali l’identificazione di un’eventuale gravidanza ectopica, il monitoraggio di una gravidanza a rischio, nonché come parte dello screening per la ricerca di anomalie fetali.

Tale test è dunque indicato qualora si sospetti una gravidanza e andrebbe effettuato 10 giorni dopo la data presunta di inizio ciclo mestruale; oppure nel caso si verifichino sintomi che possono essere causati da una gravidanza ectopica, comunque prima di sottoporsi ad altri eventuali accertamenti clinici.

È un test indicato anche per determinare anomalie fetali come la sindrome di Down, responsabile dell’alterazione anche dei livelli di hCG nel sangue.

Fondamentalmente, il test consiste nella raccolta della prima urina del mattino o in un campione di sangue venoso (con l’unica differenza data dal fatto che l’esame con campione di sangue risulta essere più sensibile); in entrambi i casi, si consiglia di evitare l’eccessiva assunzione di liquidi prima del test, poiché nel primo caso può diluire l’urina, mentre nel secondo conviene osservare un digiuno di almeno 8 ore. Una modica quantità d’acqua, tuttavia, è consentita per entrambe le tipologie di test.

Facebook Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *